The Babbel Blog

Babbel Courses

Lettere d’amore: un corso per farvi innamorare in inglese, tedesco, francese o spagnolo!

Posted on February 13, 2014 by

FB_Valentines_Ita

La fortuna in amore può arrivare in qualsiasi momento dell’anno, non solo il giorno di San Valentino: un incontro, la curiosità, la voglia di conoscersi e improvvisamente non si riesce più a pensare ad altro che a quella persona così speciale. È proprio in occasione di San Valentino però che vogliamo presentarvi il nostro nuovo corso speciale: “Lettere d’amore”, una storia in cui i due protagonisti si sono conosciuti su un sito di dating online. Fino a qualche anno fa era ancora qualcosa che avrebbe destato qualche perplessità tra gli amici, oggi invece è diventato normalissimo incontrarsi per la prima volta tramite internet. Sicuramente conoscete anche voi una coppia felice che è nata in questo modo, o magari proprio voi stesso avete trovato così il vostro partner.

Già nella propria lingua madre a volte può essere difficile trovare le parole giuste per esprimere i propri pensieri e sentimenti senza rischiare malintesi e imbarazzi. “Per noi era importante offrire con il corso non solo la possibilità di esercitarsi nella lettura e nella scrittura, ma anche di seguire una storia appassionante. E quale tema è più appassionante dell’amore?”, spiega la nostra Content Project Manager, Katja Wilde. Per scoprire se i due protagonisti, Marie e Robert, riusciranno a superare le difficoltà iniziali e rompere il ghiaccio, non vi resta che seguire il corso.

Avrete modo così di ampliare il vostro vocabolario con nuove parole sul tema degli ideali in amore e nei rapporti sentimentali, imparando a esprimere i sentimenti anche in una lingua diversa dalla vostra lingua madre. Oltre al vocabolario, il corso vi dà la possibilità di esercitare anche la vostra comprensione e produzione scritta ed è pensato per chi ha raggiunto il livello B1.
Se vi state innamorando, saprete così come mettere in parole quello che provate.

Bildschirmfoto 2014-02-13 um 16.43.25

C’è anche una versione francese di Marie e Robert: Romy e Alain, che si incontrano nel corso “Lettres d’amour” e forse, chissà, finiscono anche loro per innamorarsi. Scopritelo con loro:

Lettres d’amour

Liebesbriefe

Love letters

Cartas de amor

Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

O’zapft is! – Il corso dedicato all’Oktoberfest

Posted on September 6, 2013 by

Questo articolo in: Tedesco (Deutsch), Inglese (English), Spagnolo (Español)

Chiedendo in giro per il mondo cosa sia più conosciuto della Germania e dei tedeschi, nomi come lederhose (i tipici pantaloni di pelle), dirndl (un vestito tradizionale), la birra ed il buon brezel – o pretzel, come dicono nei paesi anglofoni – compaiono piuttosto in alto sulla lista. Anche l’Oktoberfest è ben conosciuto e si è guadagnato il nome di maggior sagra al mondo: una vera e propria calamita di visitatori provenienti da tutto il pianeta. Un’ottima ragione insomma per prendere e mettersi in viaggio verso queste lande, per potersi così fare una propria idea sul gran trambusto che gira intorno al “Wiesn”.

La verità è che l’Oktoberfest ha ben altro da offrire, oltre i tendoni della birra e visitatori in dirndl e lederhose, che vanno in giro addentando brezel. Lo sapevi, ad esempio, che ci sono giostre storiche che risalgono in parte al 19mo secolo, costruite in legno e con tanto di orchestrina di fiati che suona dal vivo? La giostra chiamata Krinoline venne costruita interamente a mano da quattro forti uomini, dal momento che ai tempi i meccanismi per un simile movimento rotatorio potevano essere prodotti solo artigianalmente.

Eppure, venerande tradizioni di questo tipo risultano ad un esame più attento esser tornate alla ribalta. Ed a proposito di mode, all’inizio del 19mo secolo non si portavano i vestiti tradizionali bavaresi, come ora, ma si seguiva piuttosto la moda francese…

Insomma, c’è tanto da scoprire!

Grazie al nostro corso sull’Oktoberfest ci si può preparare qualche battuta in anticipo e sfidare una vera cameriera bavarese ordinando la birra in tedesco. I dialoghi brevi ed i quadri informativi inoltre sono ricchi di fatti ed informazioni sulla cultura e la storia di questa sagra. Nell’ultima delle sei lezioni gli utenti più coraggiosi possono cimentarsi nel dialetto bavarese – un’esperienza che prima o poi capiterà a tutti gli avventori dell’Oktoberfest, volenti o nolenti. Come si suol dire: “O’zapft is! Des wird a Mordsgaudi!

Frauke e Maren sono project manager presso Babbel ed hanno sviluppato e scritto la maggior parte dei corsi di tedesco. Per il corso dedicato all’Oktoberfest hanno intrapreso per voi un viaggio di ricerca districandosi tra aspetti linguistici, storici e gastronomici intorno al cosiddetto Wiesn. 

 

 

 

Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Carnevale, spiagge e Caipirinha…

Posted on April 30, 2013 by

Questo articolo in: Tedesco (Deutsch), Inglese (English), Francese (Français), Spagnolo (Español)

…arrivati alla terza parola chiave avrete ormai tutti indovinato di cosa si parli: del Brasile! Con le sue spiagge di sabbia bianca, questo paese è una delle destinazioni da sogno più popolari del pianeta. E’ straordinario che lo si possa individuare con tre sole parole, considerando la sua eccezionale estensione. Perchè in realtà tra l’Amazzonia e le sue zone paludosi, a nord, e l’impressionante regione montagnosa (simile in questo alla Svizzera), a sud, c’è molto di più da scoprire, oltre alla Samba o a Copacabana.

Non sorprenderà, dunque, che questo paese dei superlativi sia la terra di una delle maggiori cascate nel mondo, le Cataratas do Iguaçu. Proprio accanto a questo gigantesco fenomeno naturale trovano anche spazio piccole meraviglie: ad esempio, l’impertinente quati (coati, in italiano), che sfreccia per il parco nazionale sgraffignando patatine e altri snacks ai turisti, direttamente sotto il loro naso.

Qualunque sia la ragione per cui doveste decidere di intraprendere un viaggio attraverso il Brasile, tuttavia, bisogna riconoscere una cosa: uno degli aspetti migliori di un viaggio è il fatto di poter entrare in contatto con gli abitanti del luogo. I brasiliani sono un popolo molto aperto. Basta spiccicare un paio di parole, come ad esempio “Oi, tudo bem?” (Ciao, tutto bene?) per far partire una conversazione. Perchè a corto di vocaboli non si debba poi continuare a soli gesti, mani e piedi compresi, dopo un primo approccio tanto ben riuscito, abbiamo sviluppato il corso di “Portoghese per le vacanze”, che tratta in dodici lezioni le basi necessarie per comunicare durante il vostro periodo di permanenza in Brasile. A piccole dosi, vi potrete esercitare in vista di situazioni incentrate sull’orientamento, gli acquisti o le prenotazioni. Si tratterà anche di come ordinare al ristorante e delle specialità gastronomiche brasiliane, come la “feijoada” o l’“água de coco”.

Con tali nozioni di base noterete con quale velocità potrete arricchirvi di nuove conoscenze quando sarete sul luogo. Come si suol dire: chi ordina “Uma cerveja, por favor” dovrebbe poter continuare con “Mais uma!”. Ovvero, chi ordina una birra, dovrebbe anche essere in grado di ordinarne un’altra.

Frauke è project manager per il contenuto didattico, con specializzazione nelle lingue spagnola e portoghese. Ha passato le sue ultime, lunghe vacanze in Brasile ed ha visitato lungo il suo percorso luoghi come Ilha Grande, Rio e Iguaçu. Nel nuovo corso di “Portoghese per le vacanze” vi fornisce consigli ed informazioni non solo sulla lingua, ma anche sulla geografia, la cultura e la civiltà del Brasile.

Vai qui al corso di “Portoghese per le vacanze”.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Babbel per Windows 8 – 5 domande A Dari Salimi

Posted on October 23, 2012 by

Dari è il Product Manager per le applicazioni mobili di Babbel ed è l’uomo più ricercato del momento nella Compagnia.

Nonostante gli impegni degli ultimi frenetici momenti prima dell’uscita di Windows 8, il 26 Ottobre (e con essa il rilascio delle app di Babbel per Windows 8), la nostra blogger Aishah e riuscita ad intervistarlo e a porgli alcune domande al riguardo.
In privato Dari è un convinto utilizzatore Apple. Tuttavia le applicazioni per il nuovo sistema operativo lo soddisfano molto. Soprattutto dal punto di vista grafico.

 

Cosa fai a Babbel? Utilizzi i programmi qualche volta anche per imparare?

Per ciò che mi riguarda, si tratta di “learning by testing” (imparare, provando), e naturalmente molte delle cose che provo mi restano in mente. Imparo volentieri lo spagnolo.
Lavoro a Babbel da circa un anno. Quando ho iniziato il trainer di Vocaboli per iPhone c’era già. Abbiamo poi ottimizzato le applicazioni per iPad e sviluppato nuove applicazioni per il sistema Android.

Come ci hai già detto, le applicazioni per iOS e Android sono state rilasciate nel giro di un anno. Come mai poco dopo anche per Windows 8?

Le nostre applicazioni per iOS e Android hanno molto successo – Il tema dell’istruzione non solo è sempre più importante, ma anche sempre più popolare. In estate abbiamo potuto esaminare Windows 8 e tutti gli aspetti tecnici del nuovo sistema operativo in un progetto di lavoro condiviso, condotto da Microsoft a Berlino. Quando siamo entrati in contatto con gli esperti di Microsoft, c’è stata la decisione. Certo, ci ho riflettuto parecchio prima di decidere se e quando rilasciare un’app per Windows 8. Adesso siamo il primo offerente di un’applicazione per l’apprendimento delle lingue nel Windows Store, e questo ci rende abbastanza orgogliosi.

Cosa c’è di particolare in Windows 8?

La cosa che trovo più interessante è il tentativo di unire le esperienze di utilizzo di dispositivi mobili e fissi insieme.  Windows 8 non solo supporterà il classico utilizzo del pc, quello con mouse e tastiera, ma permetterà l’utilizzo del touchscreen, il quale è diffuso principalmente su dispositivi mobili. Inoltre, il design dell’interfaccia è profondamente cambiato. Un cambiamento per noi positivo poiché si adatta molto bene al nostro trainer di vocaboli audiovisivo.

Com’è stata la collaborazione con Microsoft? L’inizio di una buona amicizia?

È stata sicuramente una piacevole collaborazione. Non solo avevamo una persona di riferimento per ciò che riguarda il “business”, bensì un contatto diretto con uno degli sviluppatori di Microsoft. La comunicazione diretta ha semplificato l’intero processo di sviluppo. Siamo entusiasti di vedere come proseguirà, ma per il momento non sono stati programmati piani concreti per il futuro. Per prima cosa aspettiamo di vedere se Windows 8, e in particolare le applicazioni di Babbel per Windows 8, saranno adottate dagli utenti. La funzione preferita, quella del riconoscimento vocale, sarà introdotta in un secondo momento con un aggiornamento, poiché non siamo riusciti a rilasciarla nella prima versione a causa di motivi tecnici. Un’implementazione per Windows Phone 8 sarebbe sicuramente un altro passo interessante. Per ora le nostre app sono disponibili per PC e Tablets. Un’altra opzione sarebbe quella di integrare gli interi corsi disponibili sul web sulle applicazioni mobili. Abbiamo sicuramente un sacco di progetti.

Cosa si aspetta l’utilizzatore dell’applicazione di Babbel per Windows 8?

Con il rilascio ufficiale, saranno disponibili tutte le 11 lingue di Babbel come singole applicazioni nel Windows Store, sotto la categoria: educazione.

Contenuti e didattica rimangono fedeli al principio educativo di Babbel e si allineano alle altre applicazioni già sviluppate.  Dal mio punto di vista, le nostre applicazioni si armonizzano perfettamente con il nuovo look di Windows 8.  Gli utenti si aspettano soprattutto una cosa: tanto divertimento!

 

Provalo qui.

 

 

Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone