The Babbel Blog

Babbel News

The Learning Revolution: It’s Not About Education

Posted on January 8, 2014 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Wired, the US magazine on emerging technologies, published an article from Markus Witte, CEO and co-founder, on the the revolution taking place in private learning. Read it here:

The education system is changing. Established teaching methodologies are reaching their limits in most developed countries. New requirements are needed. In the search for solutions, technology is playing an increasingly prominent role — allowing for new approaches such as the “inverted classroom,” Massive Open Online Courses (MOOCS) and “mobile learning”. We keep hearing of an “education revolution” — one in which technology will bring upon a radical transformation in schools and universities.

There are certainly great hopes for a change to the better but recent news are somewhat discouraging. Some even spoke of a “backlash” after Udacity, one of the most ambitious projects to revolutionize higher education, changed course towards corporate customers. Other, less well-known initiatives are also struggling: I recently spoke on a panel about “the future of education” together with a manager from a large publishing house that develops new digital products for schools and a CEO of a startup that built an adaptive software tool for maths education. Both discussed ways to persuade governments, ministries and committees to use their newest tools. But even to run a test involves a sales cycle of way more than a year — not exactly the pace of a revolution.

 

Education Will Change With the Way We Learn

Real changes and disruptions usually come “from below”: through the individual decisions of the many rather than through sweeping decrees from the government. From the car to the internet to the tablet to the iPhone — that is, in all the great upheavals that new technologies have created in our lifestyle, culture, and working environment — it has been the many individuals that have decided to adopt changes, not the politicians.

The good news is that there is indeed a revolution going on. But it is not about education systems. It is about learning. It is people taking learning into their own hands. A new trend is initiated by a whole new breed of learning technology start-ups that set out to make learning easier for everybody. Their goal is not to alter elementary education or university teaching. They do not deal with governments; their customers are not countries and states. They are focused solely on their users — people who want to learn something. And this is a powerful force to harness.

Learning tools like Babbel are directly tailored to the user; there are no institutions in between. People decide for themselves whether or not the product helps them toward their goals and is worth their money. It’s a much smaller-scale enterprise than a nationwide introduction of new software for schools or the building of an online university.

These upheavals are also taking place in the learning sphere but outside of the established educational systems. Students are currently not the most active in this change process. As a rule, they study for their degrees and final exams with a goal clearly in mind. Formal education is more about passing a French exam than about being able to actually talk to a French person. This is because a degree or certificate is often equally valuable as the actual knowledge or skills.

 

The Learning Revolution is Taking Place at Home

More and more people are using new technologies for self teaching. Let’s look at language learning for example. Over 100 million people all over the world are learning languages online today (1) — and only a fraction of them would ever have considered using traditional learning materials or courses to do so. As a part of my research, I have personally talked to some of them: It would never have occurred to the nurse in Louisville to buy a textbook or an expensive CD to learn a language — but now, she’s studying German on her tablet after her shift. The same holds true for the retiree in southern France who started to learn English on his laptop at the age of 70, or for the London banker riding home on the tube practicing Spanish on the latest iPhone. This group of people has decided to self teach because they came across learning tools of a new generation.

Technology is not really generating new demand but makes more things possible. E-mail, cameras in smartphones and Wikipedia are just a few examples of how this works. All these examples “replace” older technologies — and yet they open up completely new spaces.

The choices are manifold and changing at a breathtaking pace. In language learning alone, virtual classrooms, tutoring via video chat, learning communities with user-generated content, crowd-sourced translation services, and interactive services for self-learning offer a dizzying array of choices. Established standards and clear user expectations are nonexistent. Only one thing is for sure — the interest is enormous and the popularity of the internet and smartphone apps for learning is growing by leaps and bounds.

Language learning is only a part of a trend toward self-learning. Other offerings, from computer programming to brain training are popping up like daisies. No matter what the latitude or longitude, private individuals are deciding to learn on their own accord.

This revolution is taking place in living rooms and cafés, on public transport and in offices. It is carried out by people who decide to take their learning into their own hands — and they are finding ever more and better technology-based products to help them.

In the end, the education revolution might be a real, old-fashioned revolution: one that comes from below, takes unforeseen routes and hits the centers late in the process. It might already be in full swing and it might be way more powerful than it seems when we only look at the established education systems.

 

(1) a guess based on the compound user numbers of Babbel, Busuu, LiveMocha, duolingo = 140M alone. 40% of them probably use more than one platform (= 84M unique users) at least 20M more unique users will use smaller platforms

Read more about Markus Witte and the founding team here.

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Carnevale, spiagge e Caipirinha…

Posted on April 30, 2013 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Questo articolo in: Tedesco (Deutsch), Inglese (English), Francese (Français), Spagnolo (Español)

…arrivati alla terza parola chiave avrete ormai tutti indovinato di cosa si parli: del Brasile! Con le sue spiagge di sabbia bianca, questo paese è una delle destinazioni da sogno più popolari del pianeta. E’ straordinario che lo si possa individuare con tre sole parole, considerando la sua eccezionale estensione. Perchè in realtà tra l’Amazzonia e le sue zone paludosi, a nord, e l’impressionante regione montagnosa (simile in questo alla Svizzera), a sud, c’è molto di più da scoprire, oltre alla Samba o a Copacabana.

Non sorprenderà, dunque, che questo paese dei superlativi sia la terra di una delle maggiori cascate nel mondo, le Cataratas do Iguaçu. Proprio accanto a questo gigantesco fenomeno naturale trovano anche spazio piccole meraviglie: ad esempio, l’impertinente quati (coati, in italiano), che sfreccia per il parco nazionale sgraffignando patatine e altri snacks ai turisti, direttamente sotto il loro naso.

Qualunque sia la ragione per cui doveste decidere di intraprendere un viaggio attraverso il Brasile, tuttavia, bisogna riconoscere una cosa: uno degli aspetti migliori di un viaggio è il fatto di poter entrare in contatto con gli abitanti del luogo. I brasiliani sono un popolo molto aperto. Basta spiccicare un paio di parole, come ad esempio “Oi, tudo bem?” (Ciao, tutto bene?) per far partire una conversazione. Perchè a corto di vocaboli non si debba poi continuare a soli gesti, mani e piedi compresi, dopo un primo approccio tanto ben riuscito, abbiamo sviluppato il corso di “Portoghese per le vacanze”, che tratta in dodici lezioni le basi necessarie per comunicare durante il vostro periodo di permanenza in Brasile. A piccole dosi, vi potrete esercitare in vista di situazioni incentrate sull’orientamento, gli acquisti o le prenotazioni. Si tratterà anche di come ordinare al ristorante e delle specialità gastronomiche brasiliane, come la “feijoada” o l’“água de coco”.

Con tali nozioni di base noterete con quale velocità potrete arricchirvi di nuove conoscenze quando sarete sul luogo. Come si suol dire: chi ordina “Uma cerveja, por favor” dovrebbe poter continuare con “Mais uma!”. Ovvero, chi ordina una birra, dovrebbe anche essere in grado di ordinarne un’altra.

Frauke è project manager per il contenuto didattico, con specializzazione nelle lingue spagnola e portoghese. Ha passato le sue ultime, lunghe vacanze in Brasile ed ha visitato lungo il suo percorso luoghi come Ilha Grande, Rio e Iguaçu. Nel nuovo corso di “Portoghese per le vacanze” vi fornisce consigli ed informazioni non solo sulla lingua, ma anche sulla geografia, la cultura e la civiltà del Brasile.

Vai qui al corso di “Portoghese per le vacanze”.

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

C’è francese e francese

Posted on January 17, 2013 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Leggi questo articolo in: inglese (English), francese (Français), tedesco (Deutsch), spagnolo (Español)

Chi si avventura nelle lande francesi come semplice turista è talvolta costretto ad arrampicarsi sugli specchi, per riuscire a comunicare. Il francese scolastico imparato ai tempi dei banchi di scuola, infatti, si esaurisce in poche battute, di fronte alla parlata vivace e colloquiale di un francese.

Immaginatevi, siete appena arrivati a Parigi e state esplorando, pieni di entusiasmo, la bellissima città. Persi nei vostri pensieri e con il naso in su girovagate tra vie e viuzze ricche di charme e finite inavvertitamente per urtare un passante. Questo reagisce e vi dice: „T’es vénère ou quoi !“. Che cosa avrà voluto dire? Come dovreste reagire? Intuitivamente rispondete con un „Excusez-moi !“ di circostanza. La persona di fronte a voi sembra ora essersi calmata. „C’est pas grave.“, risponde. “Je peux te taxer une clope ?“ Ecco che torna su la strana sensazione di essere finiti nella città sbagliata. Dentro di voi, state pensando: “Taxer? – Taxì? – Avrà mica bisogno di un taxi? Clope, poi, colpe, colpè… Si starà mica riferendo ancora al fatto di averlo colpito?“ Vi decidete, alla fine, per la prima delle due traduzioni improvvisate ed esclamate, nel vostro miglior francese: „Là, il y a un taxi !“ (Là c’è un taxi!). Il volto del francese si trasforma in un secondo, esibendo ora un’espressione mista tra lo sbalordimento e l’incredulità. Ops… Risposta sbagliata…

Il nuovo corso di Babbel sul francese colloquiale vi può dare una mano! Perchè qui imparerete non solo che „taxer“ significa „scroccare“, “cimer” significa “grazie” e che “une clope” sta per „cicca”, ma anche che nel francese colloquiale le parole vengono spesso omesse, stravolte, abbreviate e cambiate di desinenza. Così, una parola come “énervé” (scocciato) può diventare in slang “vénère”.

Babbel ha sviluppato un corso sulla lingua colloquiale e lo slang per tutti gli amici del francese che hanno già delle conoscenze di base e che vorebbero immergersi ancora più a fondo nella lingua francese. Le parole del cosiddetto „Verlan“ a sillabe invertite ed altre espressioni colloquiali sono allo stesso tempo utilizzate anche nel francese di tutti i giorni -  in particolare dai giovani fino ai 40 anni. Il corso affronta cinque importanti temi: i termini del „Verlan“ (parole a sillabe invertite), lo slang, parole abbreviate ed omesse, desinenze particolari e parole prese in prestito dall’inglese, come ad esempio „fun“ (divertente) o „has been“ (all’antica). Cinque temi che permetteranno di superare quella sensazione di spaesamento che può altrimenti sopraggiungere, quando qualcuno in francese sta solo offrendo una „clope“.

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Come il cacio sui maccheroni…

Posted on November 29, 2012 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Leggi questo articolo in: Tedesco (Deutsch), Inglese (English), Francese (Français), Spagnolo (Español)

"avere gli occhi foderati di prosciutto"Sono in pochi a lavorare per Babbel da tanto tempo quanto Barbara. Quasi cinque anni fa la traduttrice e fennista italiana (all’epoca ancora studentessa) iniziava a lavorare alla didattica e all’assistenza clienti di Babbel; da quest’anno è parte fissa ed essenziale del nostro reparto didattica. Barbara sa cosa vuol dire essere poliglotta ed è sempre pronta a mettersi in gioco. Si direbbe che non ha gli occhi foderati di prosciutto eppure…

Utilizziamo la lingua per esprimere i nostri pensieri e per descrivere quello che ci circonda. Che nel fare questo ci serviamo di innumerevoli metafore e altrettante immagini non ce ne rendiamo sempre conto. Chi volesse contraddire questa affermazione sottolineando di sapere come usa la propria lingua, potrebbe esclamare: “Conosco i miei polli!”… Ma appunto, cosa c’entrano i polli? I modi di dire sono nel profondo del nostro inconscio e raramente ci rendiamo conto di farne uso. Eppure i modi di dire sono il sale della lingua. Rappresentano in modo intenso e conciso esattamente quello che vogliamo dire e, a seconda della lingua, evocano le associazioni più strampalate.

Che a noi di Babbel questo tema stia particolarmente a cuore lo si vede chiaramente dalla nostra offerta didattica: per le lingue inglese, francese, spagnolo, portoghese e svedese è già presente da tempo un corso speciale sui corrispettivi modi di dire. Appena sfornato invece, per gli studenti di italiano come lingua straniera, è il corso di modi di dire italiani, online dal 29 Novembre.

Come sempre anche in questi corsi Babbel dà particolare importanza alla possibilità di memorizzare quanto imparato in modo permanente: per fare questo vengono in aiuto l’intelligente sistema di ripasso e la rappresentazione visuale delle espressioni introdotte. Tuttavia non è sempre facile trovare le immagini giuste soprattutto per espressioni come “Non è farina del tuo sacco” oppure “avere gli occhi foderati di prosciutto”.

Per il corso di modi di dire italiani abbiamo deciso di accettare questa sfida con una buona porzione di autoironia: perché non realizzare noi stessi fotografie divertenti per spiegare questi modi di dire? Ed eccoci così veramente con delle fette di prosciutto sugli occhi e un sacchetto di farina in mano davanti alla macchina fotografica e allo sguardo divertito, incredulo e forse anche un po’ invidioso dei colleghi che hanno visto coi loro occhi quanto possano essere divertenti le nostre mansioni.

Se anche voi non vedete l’ora di provare uno di questi corsi, cliccate direttamente su questo link. In bocca al lupo, qualsiasi sia la lingua che avete scelto!

Il 29 Novembre accanto al corso “Modi di dire italiani” (accessibile solo con lingua di riferimento diversa dall’italiano) abbiamo pubblicato i seguenti corsi:
Francese: Esercizi di ripasso 2
Inglese: Esercizi di ripasso 2
Portoghese: Grammatica portoghese (nuove lezioni)

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

¡Buenos días, vacaciones! Che differenza c’è nell’apprendere con un eBook interattivo?

Posted on August 15, 2012 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Dopo “Impara tedesco: Corso per principianti 1” arriva adesso “Impara Spagnolo: Corso per principianti 1”. L’eBook spagnolo per iPad, con inglese come lingua di studio.
Che cosa sia un eBook in generale, e quali possibilità interattive offra, ne abbiamo già parlato qualche mese fa, in uscita del nostro primo.

Gli impegnati utilizzatori di Babbel, che seguono i corsi online e usano le applicazioni per iPhone/iPad o dispositivi Android, quando sono fuori casa, si chiederanno forse : perché una terza Applicazione (che è pure a pagamento) ?

La redazione di Babbel presenta, con questo libro elettronico, un nuovo divertente ed efficace metodo di apprendimento. Nella prefazione, il libro stesso viene definito “apprendimento complementare” ed è vero: l’eBook di Babbel combina la profondità dei contenuti dei corsi online con la facilità della gestione mobile delle applicazioni. Raccoglie il noto contenuto didattico di Babbel, la didattica è la specialità di Babbel, ma non è proprio lo stesso. Come un classico libro di testo (desiderio ufficiale o nascosto di molti dei nostri utenti), ha 77 pagine, ed è costruito in modo lineare con una suddivisione in 5 lezioni, ognuna delle quali con sotto capitoli.

Il materiale è più compresso rispetto ai corsi online. Nuove parole e frasi vengono introdotte in un dialogo musicale. Le cosiddette “parole chiavi” sono collegate al Glossario e alla fine sono richieste sulle “Carte Studio”, le buone vecchie cartoline didattiche digitali. Le schede personali possono essere create semplicemente con la funzione “evidenzia”.

La grammatica segue l’inizio del dialogo a ruota libera, e grazie alle prove pratiche si aggiungono spiegazioni, pertanto non è arido in contenuti esplicativi. Sia Per ciò che riguarda la grammatica sia il vocabolario, sono soprattutto questi vivaci chiarimenti sull’uso e l’importanza delle espressioni locali a seconda che ci si trovi in Sudamerica o in Spagna, e le immediate domande di chi impara, a creare una positiva esperienza di studio.  Con i grafici è possibile visualizzare la struttura, e una presentazione con diapositive sugli usi e costumi ispanici termina ogni lezione.

Come si salutano le persone in Spagna? Quali mezzi di trasporto pubblico mi aspettano in Cile? Che cosa succede in Bolivia? Come si festeggia il compleanno in Messico? E che importanza ha il giorno dei morti? L’eBook di Babbel risponde a queste e altre domande in modo affascinante.

Nel Complesso, abbiamo evidenziato gli aspetti positivi del nostro prodotto. Chi acquista il libro nell’iBookstore ad un prezzo lancio di 6,99 €, fa sicuramente un investimento ragionevole.
Per i madrelingua inglesi che risiedono in Spagna o in Sudamerica, o coloro che pianificano un viaggio nel mondo ispanico, e imparano volentieri in mobilità ”on the road” consigliamo caldamente questo libro, primo passo verso la lingua e la cultura ispanica. Auguriamo a tutti ¡mucha Suerte! con la lingua spagnola.

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Siamo esonerati per il caldo! – E-state con Babbel.

Posted on June 15, 2012 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

L’estate è sempre stata al centro dell’attenzione. Già da scolaretti attendevamo con impazienza l’arrivo delle vacanze estive, 3 mesi di assolute vacanze e dolce far niente…altro che stare in classe quando fuori ci sono 35 gradi e il tempo è un vero e proprio invito a passare le giornate in piscina o al mare!

Quando inizia ad esserci veramente caldo anche da Babbel si placano un po’ gli animi…capita a volte che gli utenti siano come “esonerati per il caldo”. Noi questo lo capiamo bene, anche perché in certe giornate anche noi di Babbel ci dobbiamo asciugare il sudore dalla fronte nel nostro quartier generale a Berlino- Kreuzberg e magari sogniamo una birra ghiacciata o un bel gelato o persino di fare un tuffo nell’Atlantico. L’estate ha un ruolo importante anche da Babbel: l’estate è, per lo meno alle nostre latitudini, il periodo per eccellenza per andare in vacanza. È quindi il momento in cui molti studenti di Babbel hanno la possibilità di mettere in pratica le conoscenze apprese durante l’anno con i nostri corsi.

Per primi sono proprio gli italiani ad aprire le danze: già il 9 Giugno, quasi contemporaneamente con l’inizio degli Europei, i ragazzi italiani hanno salutato per i prossimi 3 mesi i banchi di scuola. In Polonia invece gli studenti devono ancora aspettare fino al 30 Giugno, così come in Inghilterra, dove le scuole saranno comunque già chiuse quando a Londra dal 27 Luglio al 12 Agosto avranno luogo le Olimpiadi.

Gli svedesi vanno invece in vacanza già da metà Giugno e nessuno in Europa festeggia l’inizio dell’estate come nei paesi scandinavi: dal 22 al 24 Giugno tutta l’Europa settentrionale celebrerà la festa di mezza estate a suon di musica, danze, cibi e bevande tradizionali e usi e costumi popolari che sanno quasi di magia.

Che si vada alla festa di mezza estate in Svezia, in spiaggia in Brasile, Italia, Spagna, Francia, Olanda o Turchia, a cavalcare onde in Indonesia, agli Europei in Polonia o alle Olimpiadi a Londra, ora è arrivato il momento della verità in cui si vedrà se gli utenti di Babbel sono stati diligenti durante l’anno e anche se noi abbiamo fatto bene il nostro lavoro. Che risultati danno i nostri corsi? Cosa dicono i tifosi che sono andati in Polonia agli Europei? Il nostro corso speciale “Europei 2012” ha dato loro delle buone basi?

Ci sono anche tante persone a cui il calcio in generale ma anche gli Europei proprio non interessano. Tra questi, molti non possono andare in vacanze quest’estate per diversi motivi. In questo caso, se noi non possiamo lasciare il nostro soggiorno, se non altro con gli Europei nel nostro soggiorno ci facciamo entrare l’Europa intera a suon di dribbling.

E alla fine anche una vacanza a casa non è poi così male: la propria città d’estate può riservare belle sorprese e lati sconosciuti. Come da ragazzini possiamo trascorrere le giornate in piscina, andare a cena fuori con gli amici e per finire mangiarci un bel gelato godendoci la movida cittadina. E per il resto, fare solo una cosa: nulla.

Buone vacanze!

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Inglese britannico e americano

Posted on April 10, 2012 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
new england

Quando si parla di “inglese”, non si intende sempre la stessa cosa. A volte tra l’inglese americano e quello britannico ci sono delle differenze grandi come l’Atlantico. In altri casi invece le differenze sono così piccole che è necessario guardare attentamente per riconoscerle. E altre volte ancora le somiglianze sono solo apparenti e portano a involontari momenti comici fuori programma. Con il nuovo corso “Inglese britannico e americano” Babbel porta un po’ di chiarezza in questa confusione linguistica e culturale tra Big Ben e Statua della Libertà.

Siamo tutti d’accordo che l’inglese da molto tempo si stia affermando come lingua franca mondiale. Senza avere un vero e proprio status ufficiale, l’inglese è la lingua d’uso comune del mondo degli affari, viene usata come lingua ufficiale in tante organizzazioni internazionali e spesso è la prima lingua straniera ad essere imparata. Ma cos’è di preciso il “vero” inglese? Mentre tanti giurano fedeltà all’inglese della Regina Elisabetta o all’inglese di Oxford, altri obiettano che ci sono molte più persone che parlano l’inglese americano e che quindi anche questo ha un peso importante.

Su questo punto alla fine si fatica ad essere d’accordo. Quello che però si può fare è esaminare attentamente le (piccole) differenze per cavarsela con queste due varianti dell’inglese. Per es. se si è in America e si vogliono mangiare le patatine si ordineranno delle “chips”, mentre in Inghilterra si dovranno ordinare delle “crisps”. La cosa buffa è che se si ordinano delle “chips” in Inghilterra si otterranno delle patatine fritte che a loro volta vengono chiamate “french fries” in America. Babbel pubblica il nuovo corso proprio per fare un po’ di chiarezza in questo campo di possibili gaffe e fraintendimenti. Con esercizi di scrittura, di pronuncia e di grammatica così come con excursus sulla lingua parlata, vengono trasmesse le differenze presenti in questo momento tra l’inglese britannico e quello americano.

Così come cambia costantemente il mondo in cui viviamo, anche la lingua è oggetto di un costante cambiamento. Quando la lingua inglese sbarcò in America nel 1620 con i primi coloni, trovò la libertà ottimale per svilupparsi ulteriormente. Con la scoperta di nuove piante (per es. l’Apocarya e l’Eucarya), nuovi animali (i crotali e i falangeriformi) e nuove particolarità geografiche (rive scoscese e spartiacque) un ampliamento e sviluppo dell’inglese tradizionale risultò improrogabile. Anche alcune parole provenienti dalle lingue indigene americane si fecero strada nella nuova lingua inglese (“mus”  moose = alce, “mohkisson”  moccasin = mocassino).

Durante l’Alto Medioevo l’Inghilterra fu sotto il dominio francese per circa 300 anni. In questo periodo molte parole francesi vennero introdotte nella lingua inglese. L’ortografia di molte di queste parole fu però semplificata dagli americani per permettere di capire sempre come venissero pronunciate tali parole. Per es. l’ortografia della parola “metro” e “teatro”, in inglese britannico è rimasta fedele al francese „metre” und „theatre”, mentre in inglese americano è stata semplificata in „meter” e „theater”. I puritani americani aspiravano a realizzare un inglese ancora migliore rispetto a quello parlato in Inghilterra. Uno di questi era Noah Webster che pubblicò la prima edizione del suo dizionario, che viene acquistato tuttora, nel 1828. Semplificò in molti punti l’ortografia per es. togliendo la “u” che non veniva pronunciata in parole come „flavour“ oder „colour” (anch’esse provenienti dal francese).

Con i nuovi occupanti anche la lingua si spostò sempre più verso ovest, là dove era ancora tutto selvaggio e intatto. Così nei piroscafi a ruote lungo il Mississipi, utilizzati come bische, nacquero nuove espressioni come „wild card“ (Joker) e „to pass the buck“ (passare la patata bollente). La progressiva esplorazione dell’Ovest da parte dei coloni mandò a monti i piani di Webster. Iniziò infatti a regnare una certa anarchia sia nel Paese che nella lingua. In altre parole: ci si iniziò a comportare in modo perfettamente squilibrato.

Naturalmente molte delle nuove parole non sbarcarono mai al di là dell‘Atlantico. Per es. mentre un amercano parla dei suoi „pants“ (pantaloni), un inglese indossa sempre i suoi „trousers“ (un inglese i „pants“ li porta infatti sotto ai „trousers“). Altre parole invece sono riuscite a fare il salto oltre mare ma cambiando completamente di significato. Per es. la parola britannica „football” (calcio), in America si riferisce a uno sport che si pratica con le mani! Per tutti quelli che amano piccole e grandi differenze tra le diverse varianti dell’inglese, il nuovo corso di Babbel è proprio quello che fa per voi.

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Babbel per Android!

Posted on March 27, 2012 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Dopo alcuni contrattempi, Babbel è ora disponibile anche in versione app per Android nel Google Play Store! La possibilità di usare Babbel anche su dispositivi Android è stata una delle richieste più frequenti dei nostri user e siamo ora felici di aver finalmente potuto soddisfare questo desiderio. Adesso anche i tanti di voi con dispositivo Android non devono più rinunciare ai vantaggi dello studio mobile con Babbel. In questo frangente desideriamo ringraziare ancora una volta tutti i tester della versione beta, che con i loro feedback hanno partecipato attivamente al miglioramento della app. Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto e speriamo che possiate divertirti e imparare tanto con le nuove app per Android!

Cosa puoi fare con la app per Android?
La app contiene il vocabolario di base ed avanzato con circa 2000 o 3000 vocaboli a seconda della lingua di studio. Come sempre tutti i pacchetti di vocaboli sono strutturati in modo tematico e vengono presentati in modo audiovisivo (vengono letti da madrelingua ed esemplificati da immagini). In questo modo puoi decidere tu stesso quali argomenti ti interessano maggiormente e iniziare subito.

Inoltre abbiamo ottimizzato il nostro software di riconoscimento vocale e l’abbiamo integrato nella app per Android. Da ora ti aiuterà ancora di più a valutare la tua pronuncia e ad allenarla. Naturalmente è presente anche l’amato sistema di ripasso, che ti presenta quanto imparato ad intervalli didattici ottimali per ripassarlo, così da ancorare i vocaboli imparati veramente nella memoria a lungo termine. Le app di Babbel non hanno bisogno di una connessione internet attiva, per questo puoi imparare i vocaboli in ogni momento in modo semplice e flessibile, quando sei in giro o da casa.

Quanto costano le app per Android di Babbel?

Le app per Android sono completamente gratuite per tutte e undici le lingue di studio e possono essere scaricate dal Google Play Store. La prima lezione di ogni categoria è inoltre già pronta per essere svolta sulla app subito dopo il download. Per scaricare ulteriori pacchetti di vocaboli e utilizzare l’intelligente sistema di ripasso hai bisogno di un account gratuito di Babbel, che puoi creare direttamente dalla app. Se hai già un account di Babbel invece puoi semplicemente effettuare il login sulla app, scaricare tutto quello che desideri imparare e iniziare subito.

Devo aspettarmi della pubblicità nella app, visto che è gratuita?
No, non devi essere distratto da inserzioni pubblicitarie. Babbel è come sempre per lo sviluppo di prodotti premium senza l’utilizzo di pubblicità.

Sono previste altre novità?
Chi conosce Babbel, sa che il vocabolario di base ed avanzato rappresenta solo una piccola parte di quello che Babbel può offrire. Innovazioni al prodotto e sviluppo di nuovi prodotti rimangono sempre i temi decisivi su Babbel. Il gruppo di Babbel mobile ha già iniziato con la progettazione di nuove app che renderanno possibile l’introduzione di altre funzioni o corsi su dispositivi mobili. Anche il nostro staff della didattica sta lavorando assiduamente a nuovi corsi e lezioni. La suspence quindi rimane alta.

Link per il download:

Visione d’insieme di tutte le app per Android di Babbel:

Inglese
Spagnolo
Francese
Italiano
Tedesco
Portoghese brasiliano
Svedese
Olandese
Turco
Polacco
Indonesiano

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone