The Babbel Blog

Language & Learning

Perché la vostra lingua madre influisce sull’apprendimento di una lingua straniera

Posted on April 3, 2014 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Perché per la maggior parte degli italiani è più facile imparare lo spagnolo che il tedesco – e una volta che si conosce già lo spagnolo, diventa ancora più facile imparare il francese? E come mai troviamo invece particolarmente difficili lingue come il turco o l’indonesiano?

La risposta è semplice e ha a che fare con il concetto di “famiglie linguistiche”, gruppi di lingue simili derivate dallo stesso antenato comune. Ben sei tra le lingue dei corsi che offriamo appartengono al gruppo germanico: tedesco, inglese, olandese, danese, svedese e norvegese (le ultime tre fanno parte delle lingue scandinave, che si assomigliano ancor più tra loro). La seconda famiglia principale rappresentata su Babbel è quella delle lingue romanze (o latine), a cui appartengono spagnolo, portoghese, francese e italiano.
Le lingue appartenenti alla stessa famiglia hanno molto in comune. Ad esempio, le espressioni temporali si assomigliano molto tra lingue dello stesso ceppo. Una stretta parentela linguistica si rispecchia spesso anche nella somiglianza di regole e concetti grammaticali.

Bildschirmfoto 2014-03-18 um 14.05.42

Cosa implica questo nello studio delle lingue straniere e nei corsi di Babbel?

I nuovi corsi per una lingua di studio vengono creati in tedesco e successivamente adattati alle altre sei lingue di riferimento. In questo processo di adattamento e traduzione cerchiamo solitamente di restare il più possibile vicini alla lingua di studio nella scelta e nell’utilizzo di parole e frasi. Grazie a questo accorgimento, più le lingue che già parlate assomigliano a quella che state studiando, più vi risulterà facile e veloce memorizzarne le regole grazie alle connessioni tra l’una e l’altra. Se state studiando una lingua che appartiene alla stessa famiglia della vostra lingua madre, il corso offrirà meno spiegazioni aggiuntive di quelle solitamente necessarie se steste studiando una lingua appartenente ad un’altra famiglia.

Come adattiamo i corsi di Babbel alla vostra lingua madre

Ecco un esempio: la differenza tra i verbi “pouvoir” e “savoir” per un tedesco che impara il francese non è così ovvia come per un italiano. Mentre nella lingua italiana esistono gli equivalenti “potere” e “sapere”, entrambi i verbi si traducono in tedesco con “können”. Le spiegazioni su quando utilizzare “pouvoir” (ossia, quando qualcosa è permesso o possibile) piuttosto che “savoir” (che significa più “conoscere, sapere, essere in grado di”) vengono quindi tralasciate nei corsi di francese per italiani. Ovviamente, tutti gli utenti di qualsiasi madrelingua che stanno studiando il francese dovranno comunque fare gli stessi esercizi sulle singole forme dei due verbi.Bildschirmfoto 2014-03-18 um 14.30.01

Invece di tradurre i nostri corsi di lingua dal tedesco in altre lingue dobbiamo a volte aggiungere delle spiegazioni. Ad esempio, i tedeschi sono già abituati a declinare i verbi: “ich bin, du bist, er/sie/es ist, …”. Questo implica che nel corso di francese per madrelingua tedeschi sarebbe superfluo spiegare che esiste una forma diversa del verbo per ogni pronome personale.
Per gli svedesi invece, che per tutti i pronomi personali utilizzano la stessa forma del verbo (“jag är, du är, han/hon/den/det är, …”), aggiungiamo appunto delle note specifiche, come potete vedere nell’immagine qui sotto:

Un esempio di spiegazioni aggiuntive per la coniugazione dei verbi nel corso di francese per madrelingua svedesi.
Un esempio di spiegazioni aggiuntive per la coniugazione dei verbi nel corso di francese per madrelingua svedesi.

Avete notato che anche se tedesco e francese appartengono a due famiglie linguistiche diverse, si assomigliano molto almeno da questo punto di vista? Un suggerimento: per sapere quali sono le trappole da evitare nella lingua che state studiando, provate i nostri corsi “Falsi amici”! Vi aiuteranno a non confondere più frasi e parole che sembrano simili a quelle della vostra lingua madre ma hanno in realtà tutt’altro significato.

Buon divertimento con le lingue!

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

The Learning Revolution: It’s Not About Education

Posted on January 8, 2014 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Wired, the US magazine on emerging technologies, published an article from Markus Witte, CEO and co-founder, on the the revolution taking place in private learning. Read it here:

The education system is changing. Established teaching methodologies are reaching their limits in most developed countries. New requirements are needed. In the search for solutions, technology is playing an increasingly prominent role — allowing for new approaches such as the “inverted classroom,” Massive Open Online Courses (MOOCS) and “mobile learning”. We keep hearing of an “education revolution” — one in which technology will bring upon a radical transformation in schools and universities.

There are certainly great hopes for a change to the better but recent news are somewhat discouraging. Some even spoke of a “backlash” after Udacity, one of the most ambitious projects to revolutionize higher education, changed course towards corporate customers. Other, less well-known initiatives are also struggling: I recently spoke on a panel about “the future of education” together with a manager from a large publishing house that develops new digital products for schools and a CEO of a startup that built an adaptive software tool for maths education. Both discussed ways to persuade governments, ministries and committees to use their newest tools. But even to run a test involves a sales cycle of way more than a year — not exactly the pace of a revolution.

 

Education Will Change With the Way We Learn

Real changes and disruptions usually come “from below”: through the individual decisions of the many rather than through sweeping decrees from the government. From the car to the internet to the tablet to the iPhone — that is, in all the great upheavals that new technologies have created in our lifestyle, culture, and working environment — it has been the many individuals that have decided to adopt changes, not the politicians.

The good news is that there is indeed a revolution going on. But it is not about education systems. It is about learning. It is people taking learning into their own hands. A new trend is initiated by a whole new breed of learning technology start-ups that set out to make learning easier for everybody. Their goal is not to alter elementary education or university teaching. They do not deal with governments; their customers are not countries and states. They are focused solely on their users — people who want to learn something. And this is a powerful force to harness.

Learning tools like Babbel are directly tailored to the user; there are no institutions in between. People decide for themselves whether or not the product helps them toward their goals and is worth their money. It’s a much smaller-scale enterprise than a nationwide introduction of new software for schools or the building of an online university.

These upheavals are also taking place in the learning sphere but outside of the established educational systems. Students are currently not the most active in this change process. As a rule, they study for their degrees and final exams with a goal clearly in mind. Formal education is more about passing a French exam than about being able to actually talk to a French person. This is because a degree or certificate is often equally valuable as the actual knowledge or skills.

 

The Learning Revolution is Taking Place at Home

More and more people are using new technologies for self teaching. Let’s look at language learning for example. Over 100 million people all over the world are learning languages online today (1) — and only a fraction of them would ever have considered using traditional learning materials or courses to do so. As a part of my research, I have personally talked to some of them: It would never have occurred to the nurse in Louisville to buy a textbook or an expensive CD to learn a language — but now, she’s studying German on her tablet after her shift. The same holds true for the retiree in southern France who started to learn English on his laptop at the age of 70, or for the London banker riding home on the tube practicing Spanish on the latest iPhone. This group of people has decided to self teach because they came across learning tools of a new generation.

Technology is not really generating new demand but makes more things possible. E-mail, cameras in smartphones and Wikipedia are just a few examples of how this works. All these examples “replace” older technologies — and yet they open up completely new spaces.

The choices are manifold and changing at a breathtaking pace. In language learning alone, virtual classrooms, tutoring via video chat, learning communities with user-generated content, crowd-sourced translation services, and interactive services for self-learning offer a dizzying array of choices. Established standards and clear user expectations are nonexistent. Only one thing is for sure — the interest is enormous and the popularity of the internet and smartphone apps for learning is growing by leaps and bounds.

Language learning is only a part of a trend toward self-learning. Other offerings, from computer programming to brain training are popping up like daisies. No matter what the latitude or longitude, private individuals are deciding to learn on their own accord.

This revolution is taking place in living rooms and cafés, on public transport and in offices. It is carried out by people who decide to take their learning into their own hands — and they are finding ever more and better technology-based products to help them.

In the end, the education revolution might be a real, old-fashioned revolution: one that comes from below, takes unforeseen routes and hits the centers late in the process. It might already be in full swing and it might be way more powerful than it seems when we only look at the established education systems.

 

(1) a guess based on the compound user numbers of Babbel, Busuu, LiveMocha, duolingo = 140M alone. 40% of them probably use more than one platform (= 84M unique users) at least 20M more unique users will use smaller platforms

Read more about Markus Witte and the founding team here.

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Inglese britannico e americano

Posted on April 10, 2012 by

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
new england

Quando si parla di “inglese”, non si intende sempre la stessa cosa. A volte tra l’inglese americano e quello britannico ci sono delle differenze grandi come l’Atlantico. In altri casi invece le differenze sono così piccole che è necessario guardare attentamente per riconoscerle. E altre volte ancora le somiglianze sono solo apparenti e portano a involontari momenti comici fuori programma. Con il nuovo corso “Inglese britannico e americano” Babbel porta un po’ di chiarezza in questa confusione linguistica e culturale tra Big Ben e Statua della Libertà.

Siamo tutti d’accordo che l’inglese da molto tempo si stia affermando come lingua franca mondiale. Senza avere un vero e proprio status ufficiale, l’inglese è la lingua d’uso comune del mondo degli affari, viene usata come lingua ufficiale in tante organizzazioni internazionali e spesso è la prima lingua straniera ad essere imparata. Ma cos’è di preciso il “vero” inglese? Mentre tanti giurano fedeltà all’inglese della Regina Elisabetta o all’inglese di Oxford, altri obiettano che ci sono molte più persone che parlano l’inglese americano e che quindi anche questo ha un peso importante.

Su questo punto alla fine si fatica ad essere d’accordo. Quello che però si può fare è esaminare attentamente le (piccole) differenze per cavarsela con queste due varianti dell’inglese. Per es. se si è in America e si vogliono mangiare le patatine si ordineranno delle “chips”, mentre in Inghilterra si dovranno ordinare delle “crisps”. La cosa buffa è che se si ordinano delle “chips” in Inghilterra si otterranno delle patatine fritte che a loro volta vengono chiamate “french fries” in America. Babbel pubblica il nuovo corso proprio per fare un po’ di chiarezza in questo campo di possibili gaffe e fraintendimenti. Con esercizi di scrittura, di pronuncia e di grammatica così come con excursus sulla lingua parlata, vengono trasmesse le differenze presenti in questo momento tra l’inglese britannico e quello americano.

Così come cambia costantemente il mondo in cui viviamo, anche la lingua è oggetto di un costante cambiamento. Quando la lingua inglese sbarcò in America nel 1620 con i primi coloni, trovò la libertà ottimale per svilupparsi ulteriormente. Con la scoperta di nuove piante (per es. l’Apocarya e l’Eucarya), nuovi animali (i crotali e i falangeriformi) e nuove particolarità geografiche (rive scoscese e spartiacque) un ampliamento e sviluppo dell’inglese tradizionale risultò improrogabile. Anche alcune parole provenienti dalle lingue indigene americane si fecero strada nella nuova lingua inglese (“mus”  moose = alce, “mohkisson”  moccasin = mocassino).

Durante l’Alto Medioevo l’Inghilterra fu sotto il dominio francese per circa 300 anni. In questo periodo molte parole francesi vennero introdotte nella lingua inglese. L’ortografia di molte di queste parole fu però semplificata dagli americani per permettere di capire sempre come venissero pronunciate tali parole. Per es. l’ortografia della parola “metro” e “teatro”, in inglese britannico è rimasta fedele al francese „metre” und „theatre”, mentre in inglese americano è stata semplificata in „meter” e „theater”. I puritani americani aspiravano a realizzare un inglese ancora migliore rispetto a quello parlato in Inghilterra. Uno di questi era Noah Webster che pubblicò la prima edizione del suo dizionario, che viene acquistato tuttora, nel 1828. Semplificò in molti punti l’ortografia per es. togliendo la “u” che non veniva pronunciata in parole come „flavour“ oder „colour” (anch’esse provenienti dal francese).

Con i nuovi occupanti anche la lingua si spostò sempre più verso ovest, là dove era ancora tutto selvaggio e intatto. Così nei piroscafi a ruote lungo il Mississipi, utilizzati come bische, nacquero nuove espressioni come „wild card“ (Joker) e „to pass the buck“ (passare la patata bollente). La progressiva esplorazione dell’Ovest da parte dei coloni mandò a monti i piani di Webster. Iniziò infatti a regnare una certa anarchia sia nel Paese che nella lingua. In altre parole: ci si iniziò a comportare in modo perfettamente squilibrato.

Naturalmente molte delle nuove parole non sbarcarono mai al di là dell‘Atlantico. Per es. mentre un amercano parla dei suoi „pants“ (pantaloni), un inglese indossa sempre i suoi „trousers“ (un inglese i „pants“ li porta infatti sotto ai „trousers“). Altre parole invece sono riuscite a fare il salto oltre mare ma cambiando completamente di significato. Per es. la parola britannica „football” (calcio), in America si riferisce a uno sport che si pratica con le mani! Per tutti quelli che amano piccole e grandi differenze tra le diverse varianti dell’inglese, il nuovo corso di Babbel è proprio quello che fa per voi.

Thank you for sharing our writing!  Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone