The Babbel Blog

language learning in the digital age

Attenzione: imparate a vostro rischio e pericolo!

Posted on October 15, 2013 by

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Non cominciate nemmeno questo corso se siete affamati!!!

Detto altrimenti, come ha commentato un utente di Babbel al termine del nostro corso di spagnolo, da poco pubblicato:

“Complimenti!!! La vostra sezione La cucina spagnola e sudamericana è fantastica. Ben strutturata, interessante e molto utile nel comprendere la cultura culinaria di questi paesi. L’unica cosa negativa… Studiare mi fa venire l’appetito.”

Prima di cominciare un viaggio culinario passando per l’Andalusia, la città di Valencia o il Messico, si consiglia vivamente di stipare il vostro frigorifero con una gran varietà di cibi, sia dolci che salati. Per ogni nuovo vocabolo richiesto verrete tentati da nuove prelibatezze. Comprate del pesce o dei frutti di mare, prima di dirigervi verso la Galizia. Approvvigionatevi di gustose bistecche per la lezione dedicata all’Argentina. Rifornitevi di more, mele candite e papaia, per poter avere una vaga idea di quanto siano deliziosi i succhi di frutta freschi del Cile.

Capesante in salsa speciale di vino bianco: un antipasto della Galizia.

È meglio procurarsi anche un libro di cucina, perché, si badi bene, questo corso non contiene alcuna ricetta – è inteso piuttosto come un viaggio culinario attraverso alcune regioni della Spagna e dell’America Latina. Potrete tra l’altro farvi un’idea di quali e quanti tipi diversi di caffè esistano e quali piatti vengano preparati come antipasti, quali come primi piatti e quali come dessert. Insomma questo corso non solo fornirà i vocaboli gastronomici lungo la via, ma anche uno spaccato culturale sul mondo della variegata cucina di lingua spagnola.

La cioccolata calda con dolci fritti è una colazione post-sbornia molto amata in tutta la Spagna.

E nel caso in cui voleste conoscere la differenza tra la tortilla spagnola e la tortilla messicana, oppure voleste imparare a conoscere qualcosa a proposito di crostacei – ad esempio i granchi, chiamati “jaiba” in Cile ma “cangrejo” in Spagna, rimpinzatevi per bene e cliccate qui: “La cucina spagnola e sudamericana”. (Link)

Frauke lavora come project manager nella redazione di Babbel e responsabile, tra l’altro, dei contenuti di lingua spagnola. Nel corso del suo viaggio per il mondo di lingua spagnola ha potuto provare direttamente i diversi menù proposti. Al solo pensiero degli hot dog cileni, delle tapas dell’Andalusia o della zuppa di ceci castigliana le torna subito l’acquolina in bocca.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Imparare le lingue è come andare in bicicletta… Nuovi corsi di ripasso!

Posted on October 30, 2012 by

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Leggere questo articolo in: Tedesco (Deutsch), Inglese (English), Francese (Français), Spagnolo (Español)

 

Katja Wilde, Content Project Manager di Babbel

“Il Francese l’ho studiato un po’ a scuola.” Quante volte ho già sentito questa frase da quando sono redattrice a Babbel! E poiché molti nutrono il desiderio di rispolverare le proprie conoscenze linguistiche, senza però dover frequentare un lungo e pesante corso di lingua. Abbiamo progettato i nostri corsi di ripasso in una nuova edizione, ancora più efficace e divertente.

In verità, imparare le lingue, è proprio come andare in bicicletta: non si dimentica mai! Solo la mancanza di pratica e il rimettersi in gioco rendono quest’attività difficile. Per questo motivo la redazione di Babbel ha sviluppato un nuovo progetto educativo, per essere in grado di comunicare in semplici situazioni quotidiane e potersi di nuovo esprimere. Il vocabolario e le già acquisite conoscenze di grammatica si riattivano in unità di apprendimento logicamente collegate tra loro per fare pratica soprattutto sui dialoghi di tutti i giorni.

Il concetto di base è costruito sull’efficace combinazione del ripasso con il rafforzamento delle conoscenze di grammatica basilari, il tutto visto sotto la prospettiva di situazioni di vita quotidiana.

Parole e frasi utili sono ripetute e applicate a dialoghi. Questo tipo di lezione lessicale prepara il lettore alle successive lezioni di grammatica. Se in francese, ad esempio, per il tema “fare la spesa” si ripete e si ascolta “J’en prends 100 grammes.” (ne prendo 100 grammi), si memorizzerà la grammatica molto più facilmente, così come l’utilizzo della parolina “en”.

Alla fine del corso, si rinfrescano le conoscenze grammaticali applicate nei dialoghi delle lezioni precedenti. “Il Gran Finale” dice Miriam Plieninger, direttrice editoriale di Babbel. E il cerchio si chiude.

La nuova edizione dei corsi di ripasso sarà disponibile su babbel.com dal 25 Ottobre ‘12, per le lingue di studio: inglese, tedesco, spagnolo e francese. In parallelo, il corso per principianti di tedesco 5 e il corso per principianti di portoghese brasiliano 4 saranno anch’essi pubblicati. Per i prossimi mesi sono stati programmati altri esercizi di ripasso e nuovi corsi per i livelli di studio più avanzati.

ITA>DEU: http://www.babbel.com/impara-tedesco-online/65356-novita
ITA>ENG: http://www.babbel.com/impara-inglese-online/61414-novita
ITA>SPA: http://www.babbel.com/impara-spagnolo-online/65408-novita
ITA>FRA: http://www.babbel.com/impara-francese-online/65390-novita
ITA>POR: http://www.babbel.com/impara-portoghese-online/88007-novita

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Siamo esonerati per il caldo! – E-state con Babbel.

Posted on June 15, 2012 by

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

L’estate è sempre stata al centro dell’attenzione. Già da scolaretti attendevamo con impazienza l’arrivo delle vacanze estive, 3 mesi di assolute vacanze e dolce far niente…altro che stare in classe quando fuori ci sono 35 gradi e il tempo è un vero e proprio invito a passare le giornate in piscina o al mare!

Quando inizia ad esserci veramente caldo anche da Babbel si placano un po’ gli animi…capita a volte che gli utenti siano come “esonerati per il caldo”. Noi questo lo capiamo bene, anche perché in certe giornate anche noi di Babbel ci dobbiamo asciugare il sudore dalla fronte nel nostro quartier generale a Berlino- Kreuzberg e magari sogniamo una birra ghiacciata o un bel gelato o persino di fare un tuffo nell’Atlantico. L’estate ha un ruolo importante anche da Babbel: l’estate è, per lo meno alle nostre latitudini, il periodo per eccellenza per andare in vacanza. È quindi il momento in cui molti studenti di Babbel hanno la possibilità di mettere in pratica le conoscenze apprese durante l’anno con i nostri corsi.

Per primi sono proprio gli italiani ad aprire le danze: già il 9 Giugno, quasi contemporaneamente con l’inizio degli Europei, i ragazzi italiani hanno salutato per i prossimi 3 mesi i banchi di scuola. In Polonia invece gli studenti devono ancora aspettare fino al 30 Giugno, così come in Inghilterra, dove le scuole saranno comunque già chiuse quando a Londra dal 27 Luglio al 12 Agosto avranno luogo le Olimpiadi.

Gli svedesi vanno invece in vacanza già da metà Giugno e nessuno in Europa festeggia l’inizio dell’estate come nei paesi scandinavi: dal 22 al 24 Giugno tutta l’Europa settentrionale celebrerà la festa di mezza estate a suon di musica, danze, cibi e bevande tradizionali e usi e costumi popolari che sanno quasi di magia.

Che si vada alla festa di mezza estate in Svezia, in spiaggia in Brasile, Italia, Spagna, Francia, Olanda o Turchia, a cavalcare onde in Indonesia, agli Europei in Polonia o alle Olimpiadi a Londra, ora è arrivato il momento della verità in cui si vedrà se gli utenti di Babbel sono stati diligenti durante l’anno e anche se noi abbiamo fatto bene il nostro lavoro. Che risultati danno i nostri corsi? Cosa dicono i tifosi che sono andati in Polonia agli Europei? Il nostro corso speciale “Europei 2012” ha dato loro delle buone basi?

Ci sono anche tante persone a cui il calcio in generale ma anche gli Europei proprio non interessano. Tra questi, molti non possono andare in vacanze quest’estate per diversi motivi. In questo caso, se noi non possiamo lasciare il nostro soggiorno, se non altro con gli Europei nel nostro soggiorno ci facciamo entrare l’Europa intera a suon di dribbling.

E alla fine anche una vacanza a casa non è poi così male: la propria città d’estate può riservare belle sorprese e lati sconosciuti. Come da ragazzini possiamo trascorrere le giornate in piscina, andare a cena fuori con gli amici e per finire mangiarci un bel gelato godendoci la movida cittadina. E per il resto, fare solo una cosa: nulla.

Buone vacanze!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone