The Babbel Blog

All posts by Sam Taylor

Un corso d’inglese avanzato in formato sitcom che vi aiuterà a parlare come un madrelingua, con un tocco… bucolico!

Posted on Marzo 5, 2018 by

Sam
 
 
Samuel lavora nel team di Didactics da Babbel. Il volto da eterno ventenne, si autodefinisce “saputello” in materia di inglese britannico… In 20 anni di vagabondaggio attraverso i cinque continenti, ha acquisito un’infarinatura di francese, tedesco, portoghese, finlandese, ceco, croato, spagnolo, arabo, italiano, scozzese, inglese neozelandese e americano. Oggi ci scrive del suo ultimo progetto, che combina il linguaggio metaforico, idiomatico e colloquiale con il bislacco umorismo britannico. È il primo di una serie di nuovi e avvincenti corsi narrativi di Babbel, che terranno gli studenti inchiodati alla sedia mentre scoprono come conversare come dei madrelingua inglesi. E allora: ecco un’anteprima della sitcom “Fowlmouth Farm” –  un corso immersivo per chi ha conoscenze linguistiche avanzate, insegnato quasi interamente in inglese.
 
Vi siete mai chiesti cosa si provi a vivere in una fattoria nel piovoso nord dell’Inghilterra con una famiglia piuttosto originale e una mandria di lama? Vorreste parlare come un backpacker californiano o una ragazza del West End? Say what?!!! You can bet your bottom dollar! (… che è uno dei tanti modi che hanno i californiani per dire di sì.) Sappiamo che può sembrare strano, ma questo nuovo emozionante corso messo a punto da Babbel per gli studenti d’inglese di livello avanzato è ambientato nell’immaginaria fattoria “Fowlmouth”, nello Yorkshire. Ispirata in egual misura sia dal longevo programma radiofonico della BBC The Archers che dal film Teorema di Pier Paolo Pasolini, questa serie, divisa in nove parti, vi coinvolgerà in un viaggio epico nel lato più oscuro della lingua inglese.
I personaggi che popolano la serie, provenienti da diversi paesi del mondo anglofono, vi introdurranno a metafore ed espressioni colloquiali comunemente utilizzate che potrete ascoltare e riascoltare negli esilaranti dialoghi. Lo scopo principale di questo corso è quello di sviluppare abilità di comprensione e produzione orale dell’inglese parlato con diversi accenti, aiutando chi ha un livello avanzato di inglese a passare per un madrelingua.
Ma, why on Earth did we do it? Dunque, innanzitutto sappiamo che gli utenti di Babbel più assidui sono impazienti di accedere a nuovi contenuti. I corsi di inglese di Babbel affrontano già un vasto numero di argomenti, riuscendo a portare gli studenti fino a un livello B1/B2 del QCER (Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue). Quindi abbiamo pensato: perché non creare qualcosa di un po’ più impegnativo?
I nuovi corsi narrativi sono rivolti a studenti C1, ovvero con un livello avanzato. I destinatari hanno già una solida conoscenza delle regole principali della grammatica inglese e del vocabolario intermedio. Per questi studenti la traduzione e le lezioni nella propria lingua madre ormai non servono più. Già da un po’ di tempo a questa parte, l’insegnamento monolingue è diventato una pratica comune nelle classi delle scuole ed è per questo che anche nel nostro dipartimento di didattica abbiamo deciso che era arrivato il momento di insegnare le lingue in modo più immersivo. L’unica cosa che abbiamo tradotto sono i vocaboli principali, giusto per essere sicuri di risparmiarvi equivoci nel caso vi imbattiate in suoceri inglesi o nella polizia locale!
Com’è stato creato “Fowlmouth Farm”?
Fowlmouth Farms Voice Cast
 
Tutti e nove gli episodi di “Fowlmouth Farm” sono stati prodotti presso gli uffici di Babbel a Berlino, dal concepimento fino alla post-produzione, e si sono avvalsi di diversi talenti interni alla nostra comunità poliglotta. Per 3 mesi ho scritto e testato le sceneggiature di ogni lezione e abbiamo riunito un cast di 11 “maestri della narrazione fuori campo” di Babbel per realizzare le scene all’interno della nostra sala di registrazione. È stata un’esperienza indimenticabile e talvolta impegnativa, soprattutto quando abbiamo provato ad imitare il verso di un lama in pericolo!
 
So what’s it all about? Le vite, gli amori e le attività criminali della tutt’altro che convenzionale famiglia Fowlmouth (e compagnia) forniscono uno sfondo divertente a questo strumento di approfondimento della lingua inglese. Nel corso della serie l’uso della metafora è, per così dire, un meta-tema. Se inizierete a farci caso, lo troverete ovunque! Vengono spiegate molte delle metafore inglesi più comuni, nonché espressioni idiomatiche indispensabili se volete evitare confusione nel corso di conversazioni con massaggiatori, ispettori di polizia e giornalisti scandalistici madrelingua. Tutto questo emerge nel contesto delle conversazioni, accompagnato da una sfida aggiuntiva: riuscire a padroneggiare accenti difficili come lo Scouse di Liverpool o il Glaswegian (Scozia).
What’s so funny? È una domanda alla quale è difficile rispondere, perché (ecco che arriva il disclaimer) naturalmente ognuno di noi ha un’opinione diversa su cosa costituisca un dad joke (lett. “una battuta da papà”, ovvero una battuta che non fa ridere). Ma la mia esperienza personale di insegnamento e apprendimento delle lingue mi suggerisce che quando ci si diverte, si impara in modo più veloce ed efficiente e ci si ricorda più facilmente quello che si è imparato. “Fowlmouth Farm” è un esperimento che combina commedia leggera e contenuti seri allo scopo di motivare gli studenti: a livello di scrittura, non è stato fatto niente del genere da nessun’altra parte. Quindi speriamo che i nostri utenti gradiscano questo corso, ci diano un sacco di feedback e imparino tanto quanto abbiamo imparato noi realizzandolo!
“Fowlmouth Farm” è “fresco di stampa” e ora disponibile come parte integrante dei corsi d’inglese di Babbel. Quindi, come si dice nello Yorkshire: Strike while the iron’s hot! (Battete il ferro finché è caldo!).
 

Ritratto: La sfida di Richard Janssen: 30 giorni per imparare il turco

Posted on Luglio 14, 2016 by

Richard
Nei mesi scorsi abbiamo conosciuto Richard Janssen, olandese di Venlo, iperpoliglotta e appassionato di cucina. Colpiti dalle sue strabilianti capacità linguistiche, abbiamo deciso di metterle alla prova con una sfida: imparare il turco in un solo mese ed esclusivamente con Babbel. Ecco com’è andata.
 
Serve un riepilogo della storia di Richard? Leggete il nostro articolo su di lui prima di continuare – capirete perché la sua storia ci ha tanto colpito.
(altro…)

Babbel dietro le quinte: comunicare tra culture diverse

Posted on Maggio 27, 2016 by

image4
 
Per gli standard delle startup, Babbel sta diventando piuttosto grande. E come azienda per l’apprendimento delle lingue con sedi in due continenti, siamo anche piuttosto internazionali. Ammettiamolo, tutto ciò è fantastico, ma racchiude anche una bella sfida: come riusciamo a comunicare destreggiandoci tra le varie differenze linguistiche e culturali? Ve lo raccontiamo volentieri.
 
(altro…)

Ritratti degli utenti: Richard Janssen

Posted on Maggio 17, 2016 by

Ricci-mrt
 
Richard Janssen ne sa qualcosa di lingue, per dirla con un eufemismo. Come il nostro Matthew Youlden, è quello che chiamiamo un iperpoliglotta. Dopo esser venuto a sapere delle straordinarie abilità linguistiche di Richard, Sam Taylor ha deciso di metterle alla prova (con qualche aiuto da Babbel, ovvio).
 
In questa prima parte, facciamo la conoscenza di Richard e scopriamo che cosa lo appassiona di più.
 
(altro…)

Babbel dietro le quinte: Matthew Youlden

Posted on Maggio 10, 2016 by

Matthew work
 
Matthew Youlden è iperpoliglotta, linguista ed esperto linguistico di Babbel. Forse lo conoscete già: si è visto letteralmente ovunque su internet. Ma chi è davvero? Ce lo svela Sam Taylor.
 
(altro…)

Chi, cosa, quando, perché? Uno sguardo ai risultati del nostro sondaggio utenti

Posted on Marzo 22, 2016 by

ITA-UserSurveyBlogHeader_1200x600
In questo blog non nascondiamo certo la nostra passione per le parole. In fondo, proprio questa passione è alla base di tutto ciò che facciamo a Babbel.
 
Ma visto che ogni tanto fa anche bene uscire dalla cosiddetta “zona di comfort” e mettersi alla prova con qualcosa di diverso, questa volta ci siamo tuffati nel mondo dei numeri. E sono grandi numeri, quelli del nostro sondaggio: abbiamo chiesto ai nostri utenti come imparano le lingue con Babbel e ci hanno risposto in 45.000 (44.584 per essere precisi).
 
Così, calcolatrici alla mano e macchina del caffè accesa, ci siamo messi al lavoro per analizzare le risposte. Ecco cosa abbiamo scoperto.
 
(altro…)

Babbel dietro le quinte: Refugees Welcome

Posted on Febbraio 23, 2016 by

LAGeSo
Nel corso degli ultimi due mesi, alcuni volontari di Babbel hanno visitato il centro di registrazione e accoglienza profughi nella Bundesallee di Berlino, il LAGeSo (acronimo di Landesamt für Gesundheit und Soziales, ufficio regionale per la salute e gli affari sociali), per distribuire corsi gratuiti di tedesco. Sam Taylor ha parlato con alcuni dei partecipanti al progetto e ha raccolto le loro testimonianze.
(altro…)

Imparare una lingua per amore: qual è la più sexy?

Posted on Maggio 12, 2015 by

LoveSurvey_Image_1200x600
Penso che Mandela l’abbia detto con le migliori parole: “Se parli con un uomo in una lingua a lui comprensibile, arriverai alla sua testa. Se gli parli nella sua lingua, arriverai al suo cuore.”
 Probabilmente aveva obiettivi più ambiziosi delle vacanze estive, ma insomma, un buon consiglio resta un buon consiglio.
  (altro…)