The Babbel Blog

language learning in the digital age

Ritratto: Laura dalla Scozia impara il portoghese per amore

Posted on September 11, 2015 by

ritratto

Ecco un’altra puntata della nostra serie di ritratti. Questa volta ci occupiamo di Laura Watts, una studentessa di Glasgow che ha imparato il portoghese del Brasile con Babbel per amore del suo fidanzato Bruno. La storia di Laura ci è piaciuta così tanto che per una volta abbiamo deciso di cambiare formato. Qui di seguito trovate l’intervista in cui Laura ci racconta di come ha imparato una lingua per amore.

 

(more…)

Ritratto: Martin – in viaggio per il mondo con la moto

Posted on August 19, 2015 by

Ritratto

Oggi presentiamo un nuovo episodio nella serie dei nostri ritratti di utenti di Babbel – scorci delle loro vite e dei motivi per cui hanno deciso di imparare una nuova lingua. Se anche tu vuoi condividere con noi la tua storia, lascia un commento qui sotto.

Questa volta abbiamo incontrato Martin Leonhardt: 36 anni, tedesco originario della regione della Franconia, fotografo e appassionato di avventura, da più di due anni vive in giro per il mondo. Attualmente è in viaggio con la sua moto nel nord del Brasile, più precisamente nella regione dell’Amazzonia. Martin raccoglie le sue esperienze, impressioni e fotografie nel suo blog Freiheitenwelt.de. In questa intervista ci racconta del suo prossimo progetto, di quello che ama di più del fatto di viaggiare e del perché sia importante per lui imparare le lingue.

 

 

(more…)

Ritratto: Andrea, in viaggio per i bambini di tutto il mondo

Posted on April 29, 2015 by

ritratto

Vi presentiamo un altro ritratto degli utenti di Babbel – uno scorcio delle loro vite e dei motivi per cui hanno deciso di imparare una nuova lingua. Se anche tu vuoi condividere con noi la tua storia, puoi scrivere un commento qui sotto. Oggi vi presentiamo Andrea Caschetto, ragazzo ventiquattrenne di Modica che gira il mondo per aiutare i bambini e impara le lingue per poter comunicare con loro.

(more…)

Ritratto: Clara di Monaco impara il portoghese per amore

Posted on April 23, 2015 by

ritratto

Ecco un altro ritratto degli utenti di Babbel – uno scorcio delle loro vite e dei motivi per cui hanno deciso di imparare una nuova lingua. Se anche tu vuoi condividere con noi la tua storia, puoi scrivere un commento qui sotto. Oggi presentiamo Clara, ventunenne di Monaco che ha cominciato a imparare il portoghese per uno dei motivi più belli: l’amore per il marito brasiliano Gabriel.

(more…)

Il gergo del calcio brasiliano: un fiore locale sbocciato da radici inglesi

Posted on July 4, 2014 by

Brazilian football language

Con i Mondiali avviati a pieno ritmo, le espressioni più colorite del gergo calcistico brasiliano come ‘jogo bonito!’ e ‘golaço!’ hanno ormai superato ogni confine per entrare a far parte del vocabolario di ogni appassionato di calcio, a testimonianza della vivacità della cultura calcistica brasiliana e del suo impatto internazionale.

Eppure, se torniamo indietro nel tempo di appena un secolo, all’epoca delle origini del calcio brasiliano, dobbiamo riconoscere l’influsso di un’altra nazione ben più piccola e vincitrice di un solo titolo di Campioni del Mondo (rispetto ai cinque del Brasile): l’Inghilterra.

(more…)

Quiz: espressioni del gergo calcistico brasiliano

Posted on June 12, 2014 by

Footballquiz_crops-15

Siete esperti in materia di calcio? Ve ne intendete di moduli e formazioni? Conoscete la differenza tra un terzino e un mediano? Sapete come l’Ungheria ha rivoluzionato la tattica di gioco negli anni ‘50?

No? Be’, neanche noi. 

Partecipate all nostro quiz e scoprirete alcune vivaci e colorite espressioni del gergo brasiliano sul calcio – potrete usarle per far colpo sui vostri amici durante le partite dei Mondiali!

 

Il portoghese per tutti i giorni

Posted on April 30, 2014 by

Portuguese Everyday Life iStock_000038594386Large

Prima o poi capita a tutti di ritrovarsi in un momento di forte imbarazzo, o in una di quelle situazioni in cui vorresti solo che la terra si spalanchi per inghiottirti. Ma che fare quando il passo falso si compie inconsapevolmente?

Tre dita sono sufficienti a provocare una gran confusione, come sicuramente ricorderà chi ha visto „Bastardi senza gloria“. Se il luogotenente Hicox avesse utilizzato le tre dita giuste al bancone, nessuno si sarebbe accorto che era unaspia nemica.

Piccole differenze culturali possono avere un impatto enorme, specialmente in Brasile.

Immagina di essere a Rio o San Paolo e di voler segnalare che „è tutto ok“ a qualcuno che si trova sul lato opposto della strada. Quale tra i tre gesti raffigurati sopra faresti?

Se hai scelto quello centrale, faresti bene a ripensarci. In alcune culture, questo gesto può segnalare che va tutto bene o che ciò che hai appena mangiato ti è piaciuto molto, ma in Brasile è spesso utilizzato per indicare la parte terminale dell’apparato digerente. Sì, proprio quello. Non c’è da meravigliarsi se la persona alla quale ti rivolgi reagisce sbellicandosi dalle risate.

Il nuovo corso di Babbel, „Il portoghese per tutti i giorni“, può aiutarti a evitare di incappare in questi ed atri insidiosi tranelli. Contiene il linguaggio, gli usi e i costumi da utilizzare o evitare in pubblico, ti insegna le espressioni colorite da usare durante le feste e alcune frasi di uso quotidiano. Potrai inoltre scoprire come i brasiliani celebrano le festività.

Se hai già una conoscenza di base della lingua, potrai mettere alla prova le tue capacità di comprensione orale. Troverai numerosi dialoghi su viaggi, shopping e naturalmente sul calcio.

È tempo di dare una spolverata al tuo portoghese – la coppa del mondo è dietro l’angolo!

Carnevale, spiagge e Caipirinha…

Posted on April 30, 2013 by

Questo articolo in: Tedesco (Deutsch), Inglese (English), Francese (Français), Spagnolo (Español)
Carnevale, spiagge e Caipirinha… arrivati alla terza parola chiave avrete ormai tutti indovinato di cosa si parli: del Brasile! Con le sue spiagge di sabbia bianca, questo paese è una delle destinazioni da sogno più popolari del pianeta. E’ straordinario che lo si possa individuare con tre sole parole, considerando la sua eccezionale estensione. Perchè in realtà tra l’Amazzonia e le sue zone paludosi, a nord, e l’impressionante regione montagnosa (simile in questo alla Svizzera), a sud, c’è molto di più da scoprire, oltre alla Samba o a Copacabana.

Non sorprenderà, dunque, che questo paese dei superlativi sia la terra di una delle maggiori cascate nel mondo, le Cataratas do Iguaçu. Proprio accanto a questo gigantesco fenomeno naturale trovano anche spazio piccole meraviglie: ad esempio, l’impertinente quati (coati, in italiano), che sfreccia per il parco nazionale sgraffignando patatine e altri snacks ai turisti, direttamente sotto il loro naso.

Qualunque sia la ragione per cui doveste decidere di intraprendere un viaggio attraverso il Brasile, tuttavia, bisogna riconoscere una cosa: uno degli aspetti migliori di un viaggio è il fatto di poter entrare in contatto con gli abitanti del luogo. I brasiliani sono un popolo molto aperto. Basta spiccicare un paio di parole, come ad esempio “Oi, tudo bem?” (Ciao, tutto bene?) per far partire una conversazione. Perchè a corto di vocaboli non si debba poi continuare a soli gesti, mani e piedi compresi, dopo un primo approccio tanto ben riuscito, abbiamo sviluppato il corso di “Portoghese per le vacanze”, che tratta in dodici lezioni le basi necessarie per comunicare durante il vostro periodo di permanenza in Brasile. A piccole dosi, vi potrete esercitare in vista di situazioni incentrate sull’orientamento, gli acquisti o le prenotazioni. Si tratterà anche di come ordinare al ristorante e delle specialità gastronomiche brasiliane, come la “feijoada” o l’“água de coco”.

Con tali nozioni di base noterete con quale velocità potrete arricchirvi di nuove conoscenze quando sarete sul luogo. Come si suol dire: chi ordina “Uma cerveja, por favor” dovrebbe poter continuare con “Mais uma!”. Ovvero, chi ordina una birra, dovrebbe anche essere in grado di ordinarne un’altra.

Frauke è project manager per il contenuto didattico, con specializzazione nelle lingue spagnola e portoghese. Ha passato le sue ultime, lunghe vacanze in Brasile ed ha visitato lungo il suo percorso luoghi come Ilha Grande, Rio e Iguaçu. Nel nuovo corso di “Portoghese per le vacanze” vi fornisce consigli ed informazioni non solo sulla lingua, ma anche sulla geografia, la cultura e la civiltà del Brasile.

Vai qui al corso di “Portoghese per le vacanze”.

 

Ecco come le lingue possono costruire connessioni: L’esperienza di una volontaria con Babbel

Posted on October 19, 2012 by

Questo articolo in: Tedesco (Deutsch), Inglese (English), Francese (Français), Spagnolo (Español)

© Cross-Cultural Solutions

Nessuno può negare che questi siano tempi difficili. Ma incredibili progressi vengono fatti nelle comunità locali tutti i giorni – dal miglioramento della salute al rendere l’educazione sempre più accessibile – Questioni sociali impediscono, ancora oggi, lo sviluppo nelle innumerevoli comunità in tutto il mondo. La cosa incredibile è che ognuno di noi ha la capacità di sostenere i progressi verso una comunità globale più sostenibile. Alcuni impiegano tempo e sforzi per progetti diretti sul campo, mentre altri ne supportano l’attivismo sociale attraverso il sostegno. Babbel è orgogliosa di aver potuto sostenere con il dono del linguaggio, per oltre un anno, Babbel ha dato via corsi di lingua ai volontari CCS.

“Se parli ad un uomo in una lingua a lui comprensibile, colpirai la sua mente. Se parli ad un uomo nella sua lingua, colpirai il suo cuore”- Nelson Mandela

Il Collegamento tra le diverse culture non è un compito facile e il processo di accettazione in una nuova comunità richiede tempo e pazienza. Imparare a comunicare nella lingua locale, anche se si conoscono solo le nozioni di base, è uno strumento incredibile per ogni intrepide volontario internazionale che sta cercando di impegnarsi veramente con la popolazione locale.

Per Megan, il corso di portoghese brasiliano di Babbel si è rivelato una risorsa inestimabile mentre si preparava per la sua esperienza con CCS in Brasile. Il livello di comunicazione che è stata in grado di raggiungere con Babbel l’ha aiutata nella comunicazione con i suoi colleghi brasiliani, ha reso le conversazioni più significative e, di conseguenza, ha sentito di avere avuto impatto nella comunità

“Adoro il fatto di poter iniziare dal livello per principianti, e lavorare sui successivi livelli in modo lineare, è così che si impara nel modo migliore”.

“Adoro anche i corsi tematici. Per esempio, molti dei miei volontari non hanno parecchio tempo a disposizione e possono invece focalizzarsi sul tema “viaggi” in modo da poter memorizzare frasi specifiche in preparazione al viaggio in Brasile”.

Il sistema di Babbel offre una panoramica efficace e divertente della lingua, allo stesso tempo insegna frasi utili di uso comune e la grammatica. Alcuni studenti del programma iniziano ad un livello in cui si sentono già confortevoli e semplicemente utilizzano il programma per rinfrescare le competenze linguistiche già in possesso, mentre altri scelgono di partire dall’inizio e imparare una nuova lingua.

I preparativi per una esperienza di volontariato internazionale possono essere pazzi e stressanti. L’emozione dell’esperienza in arrivo, combinata con il termine del lavoro o della scuola, e il preparare le proprie cose alla partenza può lasciare poco tempo per imparare le basi della lingua locale. Con Babbel, è facile andare avanti dedicando un po ‘di tempo ogni giorno. Megan imparato la maggior parte di ciò che ha portato con sé in Brasile durante le sue pause pranzo durante il lavoro.

Il sistema Babbel è progettato per l’utente in modo da imparare quando fa più comodo. Non ci sono orari o scadenze. Babbel lavora con un insieme di corsi che possono essere intrapresi in modo lineare o tematico. L’approccio classico per l’apprendimento delle lingue straniere basato su grammatica, grammatica, e ancora grammatica –sarebbe un onere troppo gravoso per il fitto calendario di uno studente per il raggiungimento in poco tempo di un livello sufficiente alla comunicazione. Allo stesso modo un approccio ‘frasario’ non è sempre sufficiente.

Così, per Megan, le attività di tutti i giorni, come ordinare cibo e bevande, negoziare tariffe per i taxi, e muoversi in città sono state resi più facili grazie alle competenze linguistiche che ha acquisito con Babbel. Soprattutto, la sua conoscenza del portoghese le ha permesso di stabilire una connessione duratura con i suoi nuovi vicini a Salvador, così come con il personale e i beneficiari dell’organizzazione locale per cui ha lavorato.

Lo scorso anno Babbel ha offerto la possibilità di provare i propri corsi di lingua online gratuitamente a tutti i volontari di Cross-Cultural Solutions—CSS–, un’organizzazione non profit specializzata in esperienze di volontariato a sfondo culturale. Utilizzando il programma di Babbel per imparare una nuova lingua, I volontari sono stati in grado di comunicare con le persone locali nei mesi di esperienza internazionale.

Babbel ha intervistato Meghan Heise, un’esperta nella programmazione delle missioni per Brasile e Ghana, che ha lavorato essa stessa come volontaria per CCS in Brasile, in Costa Rica e Ghana.. Megan ha utilizzato Babbel per imparare il Portoghese brasiliano in preparazione alla propria esperienza di volontariato con CCS a Salvador, Brasile.